Accesso ai servizi

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 3 DICEMBRE 2020



DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 3 DICEMBRE 2020




SPOSTAMENTI


Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati gli spostamenti tra regioni e da/per le province autonome di Trento e Bolzano. E’ vietato raggiungere le seconde case se esse si trovano in altre Regioni rispetto a quella di residenza;


- Il 25, 26 dicembre e il 1 gennaio sono vietati gli spostamenti tra Comuni;


- Divieto di spostarsi in tutta Italia dalle ore 22 alle ore 5;


- Il 31 dicembre divieto di spostarsi dalle ore 22 alle ore 7;


- Ci si può spostare solo per motivi di lavoro, necessità o salute (anche nelle ore notturne), oppure per rientrare nel Comune di residenza, nella casa in cui si ha il domicilio o in cui si abita con continuità periodica.


- RIENTRO DALL’ESTERO


Gli Italiani che si troveranno all’estero per turismo tra il 21 dicembre e il 6 gennaio, al rientro dovranno fare la quarantena. La quarantena è prevista anche per i turisti stranieri in arrivo in Italia nello stesso periodo.


- BAR E RISTORANTI


In Veneto (area gialla) i bar, ristoranti, pizzerie ecc sono aperti dalle ore 5 alle ore 18, tutti i giorni, con consumo al tavolo. Ogni tavolo può ospitare massimo 4 persone, se non sono tutte conviventi. Dopo le ore 18 è vietato consumare cibi e bevande nei locali e per strada.


- HOTEL


Gli alberghi rimangono aperti in tutta Italia, ma la vigilia di Capodanno (il 31 dicembre sera) non sarà possibile organizzare veglioni o cene.


- NEGOZI E CENTRI COMMERCIALI


In tutta Italia, dal 4 dicembre al 6 gennaio, i negozi restano aperti fino alle ore 21. Dal 4 dicembre al 15 gennaio, nei giorni festivi e prefestivi, nei centri commerciali saranno aperti solo negozi alimentari, farmacie, para-farmacie, sanitari, tabacchi, edicole e vivai;


- IMPIANTI SCIISTICI E CROCIERE


Gli impianti sciistici restano chiusi fino al 6 gennaio. Dal 21 dicembre al 6 gennaio saranno sospese tutte le crociere in partenza, scalo o arrivo in porti italiani.


- SCUOLA


Dal 7 gennaio ricomincia la didattica in presenza nelle scuole superiori. In ogni scuola, nella prima fase, rientrerà almeno il 75% degli studenti.



Documenti allegati: